giovedì 18 agosto 2016

Periferie aperte: la Città metropolitana e il Comune di Bari predispongono candidatura unica da 40 milioni di euro al bando della Presidenza del Consiglio in scadenza il 31 agosto

Lo scorso 1° giugno è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri che stanzia 500 milioni per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle Città metropolitane e dei Comuni capoluogo di provincia. Un avviso che finanzia programmi di intervento integrati tesi al miglioramento delle condizioni dei contesti urbani segnati da degrado edilizio, marginalità fisica, economica e sociale.

Il bando prevede due ipotesi non alternative di candidatura: una proposta riferita al territorio della Città metropolitana, sino ad un massimo di € 40.000.000 di finanziamento, e una al Comune capoluogo, sino ad un massimo di € 18.000.000.

Due ipotesi perseguibili parallelamente ma che, insistendo sulla stessa dotazione finanziaria, avrebbero inevitabilmente creato una competizione tra la candidatura del capoluogo e quella della Città metropolitana, alimentando il rischio di esclusione di una delle due proposte.

"Per questo, d'accordo con gli altri 40 sindaci, abbiamo deciso di fare sintesi ed elaborare un programma unico per le periferie dell'area metropolitana di Bari - commenta Antonio Decaro nella sua doppia veste di sindaco di Bari e metropolitano - cercando di valorizzare le istanze locali, le aspettative delle comunità e lavorando sul tema dell'identità e della relazione, due esigenze che caratterizzano fortemente i nostri tessuti periferici. E per realizzare questa ambiziosa candidatura abbiamo messo in moto un processo complesso di co-pianificazione, co-progettazione e partecipazione di tutti i 41 Comuni dell'area, individuando come tema conduttore la qualificazione dello spazio pubblico aperto".

Lo scorso luglio, infatti, la Città metropolitana ha pubblicato un avviso aperto a tutti i Comuni (open call "Agorà Sicure") per individuare, sulla base di criteri socio-economici e qualitativi, gli interventi che avrebbero dovuto comporre il programma complessivo, incentrato sull'idea forza della valorizzazione dello spazio pubblico aperto quale struttura di supporto alla dimensione relazionale e di prossimità della cittadinanza.

Il risultato della concertazione è un programma integrato di 36 interventi strategici a scala locale sullo spazio pubblico e una forte azione di sistema metropolitana sul tema dell'identità, per un finanziamento richiesto pari a circa 40 milioni di euro.

Il programma "Periferie aperte" della Città metropolitana prevede interventi di riqualificazione delle piazze (spazi pubblici con una forte relazione di prossimità con l'edificato), di creazione di parchi urbani polifunzionali (interventi estesi di rigenerazione di aree con valenza ecologica), di rafforzamento del greening urbano (qualificazione dello spazio pubblico interstiziale con elementi vegetazionali), di insediamento di aree sportive attrezzate (dotazione sportiva di aree verdi ex novo o preesistenti), di promozione della sicurezza urbana (sistemi di videosorveglianza, illuminazione pubblica e/o perimetrazione dello spazio) e, infine, di incremento della mobilità sostenibile (riqualificazione in chiave relazionale dei vettori di mobilità ciclo-pedonale).

"Siamo molto soddisfatti dello sforzo di coordinamento che la Città metropolitana sta conducendo per questa candidatura e per tutte le altre opportunità di finanziamento, e ringrazio sinceramente i sindaci e gli uffici tecnici che stanno lavorando alacremente ad agosto per dare qualità e competitività alla proposta - dichiara il vicesindaco della Città metropolitana Michele Abbaticchio -. A differenza di altre Città metropolitane d'Italia, che gravitano esclusivamente sul capoluogo attraverso piccoli Comuni satelliti, la città di Bari si distingue per un forte policentrismo territoriale che impone un disegno articolato di interventi che valorizzino adeguatamente le esigenze e le identità locali: il lavoro che stiamo portando avanti riflette questa ricchezza culturale e dimostra la coesione politica di un'area che affronta unita le più importanti sfide sociale che la attendono".

Il programma "Periferie aperte" è attualmente al vaglio delle commissioni metropolitane e sarà discusso martedì prossimo in Consiglio.



Nessun commento:

Posta un commento