mercoledì 19 ottobre 2016

EVENTO NAZIONALE "NONNO ASCOLTAMI"

Domenica 23 ottobre sbarca a Lecce "Nonno Ascoltami!", la Campagna nazionale per la prevenzione contro i disturbi dell'udito, patrocinata dal Ministero della Salute.

La VII edizione dell'evento farà tappa in piazza Sant'Oronzo, dalle 10 alle 19, portando le visite gratuite dell'udito, nelle strutture mobili messe a disposizione dalla Croce Rossa Lecce.

La Campagna di visite gratuite dell'udito coinvolge 8 regioni e 27 città in tutta Italia.

L'evento è stato presentato questa mattina a Palazzo Carafa

"Nonno Ascoltami!" porterà in piazza medici e tecnici specialisti dell'udito, che per un'intera giornata saranno a disposizione dei cittadini che vogliano effettuare un controllo dell'udito, nelle strutture mobili messe a disposizione dalla Misericordia. L'iniziativa si svolge grazie all'impegno di diversi partner nazionali e locali, tra cui Taranto Acustica – Maico.

 

«"Nonno Ascoltami!" - commenta Mauro Menzietti, ideatore dell'iniziativa - è soprattutto un evento sociale che, prendendo spunto dalla Festa dei Nonni, richiama in piazza tutta la famiglia per sensibilizzare i cittadini sulle tematiche dell'udito. Riteniamo che il concetto della prevenzione non sia ancora radicato nei cittadini. Di qui l'utilità della piazza: è la sanità che va incontro alle persone, riunendo in un unico evento tutte le figure professionali coinvolte nella tutela della salute (medici chirurghi, otorini, audioprotesisti, audiometristi), tutto a vantaggio dei cittadini. L'handicap uditivo è diventato un fenomeno sociale, una vera e proprie epidemia"».

 

"Questa è un'importante iniziativa di prevenzione – ha spiegato l'assessore alle Politiche Sociali, Nunzia Brandi - Per questo invito tutti i cittadini, inparticoalre i nonni , a parteciapre. Ci sarà la psosisbilità di effettuare controlli per conoscere realmente la situazione medica e scoprire evnetuali patologie".

 

"Siamo passati dal controllo della malattia alla vicinanza al malato – aggiunge    Antonio Palumbo, primario facente funzioni del reparto di Otorinolaringoiatria dell'ospedale Vito Fazzi di Lecce - Vogliamo stare vicini alla gente e comprendere i loro problemi. E' fondamentale la prevenzione, per questo ci facciamo carico immediatamente di un eventuale handicap uditivo, soprattutto se a soffrirne sono i   bambini".

 

"Dal 2010 – conferma Silvano Vitale, responsabile scientifico dell'evento e otorino presso l'ospedale Vito Fazzi di Lecce – effettuiamo uno screening uditivo neonatale perché riteniamo che sia fondamentale una diagnosi precoce. Ogni 1000 bambini nati, uno o  due presentano problemi di tipo uditivo".

 

Alla conferenza stampa hanno preso parte anche rappresentanti della Asl Lecce, dalla Croce Rossa di Lecce e della Taranto Acustica, azienda presente da 35 anni nel settore delle protesi acustiche.

 

Domenica 23 ottobre, in piazza S. Oronzo, oltre alle tende di "Nonno Ascoltami!", anche tante attività ricreative dedicate ai più piccoli, con musica, sport e animazione. Protagonisti saranno anche gli atleti della Salento Rugby e gli alunni della scuola IV Circolo di Lecce.

L'evento nazionale gode del patrocinio del Ministero della Salute e del riconoscimento dell'Oms, (Organizzazione Mondiale della Sanità) che ogni anno indice la Giornata Mondiale dell'Udito, di cui l'associazione "Nonno Ascoltami!" è ambasciatrice italiana.

…...................................................................................................................................

 

L'evento in cifre

L'ipoacusia colpisce circa 360 milioni di persone nel mondo, oltre 7 milioni solo in Italia. Ogni giorno nel nostro Paese 30 persone scoprono di avere un disturbo uditivo, un problema che coinvolge due persone su tre oltre i 65 anni. Di questi il 75% non porta una protesi acustica e in genere impiegano tra i 5 e i 7 anni prima di accettare il problema e rivolgersi a uno specialista. (Dati ANIFA-ASSOBIOMEDICA).

 

Info: www.nonnoascoltami.it

www.facebook.com/nonnoascoltami

                                                                                             

Nessun commento:

Posta un commento