martedì 18 ottobre 2016

Lucca C&G Deficents&Dragons: un'elfa, un sedicente stregone e un cucciolo di drago alle prese con una ciurma di pirati puzzolenti

Un'elfa, un sedicente stregone e un cucciolo di drago alle prese con una ciurma di pirati puzzolenti in "La Maledizione della Ciurma Maledetta"
A Lucca Comics & Games il quarto capitolo della saga fantasy demenziale "Deficents & Dragons" di Emanuele Tonini, cult tra gli amanti del genere

A Lucca Comics & Games (28 ottobre - 01 novembre 2016) torna lo spumeggiante umorismo fantasy demenziale di Emanuele Tonini con il quarto capitolo della saga "Deficents & Dragons", "La Maledizione della Ciurma Maledetta". L'albo, pubblicato sempre per le Edizioni Dentiblù, sarà ufficialmente in vendita a partire dal 15 novembre 2016.

Cosa ci fanno un'elfa scura, un sedicente stregone coboldo e un cucciolo di drago su una nave diretta verso le Isole del Caldo Afoso? Una crociera, è evidente. Ma, quello che doveva essere null'altro che un piacevole viaggio, si dimostra tutt'altro che rilassante e i nostri eroi dovranno vedersela con un avido comandante trafficante di schiavi, una ciurma di puzzolenti e pirateschi uomini pesce, sirene, kraken e un vecchio oracolo bavoso. La ciurma maledetta è stata, infatti, condannata da un incantesimo ad assumere le viscide sembianze di uomini pesce e, sebbene nei suoi ittici panni sembri piuttosto un'insalata di mare, si tratta di un equipaggio molto molto aggressivo. Tanto che, una volta rapiti i nostri eroi, l'unica via di scampo per loro è chiedere all'oracolo un vaticinio che possa funzionare da controincantesimo. Ma l'imprevisto è in agguato e l'oracolo muore prima di pronunciarsi. Svelare l'amara verità e andare a salutare i pesci o guadagnare tempo con un vaticinio inventato lì su due piedi?

Nuove assurde e divertenti avventure per la squadra di eroi più Deficients che abbia mai solcato i mari dell'editoria! Tonini si conferma una vera garanzia, continuando a dissacrare in modo magistrale tutte le figure caratteristiche del genere.


Nessun commento:

Posta un commento