sabato 24 dicembre 2016

"Natale sotto i Portici": festa di comunità e quartiere ieri a Santa Rosa tra solidarietà e rinascita

LECCE- Lungo i portici addobbati a festa e gremiti di cittadini di ogni fascia di età, si è svolta ieri sera la I edizione di "Natale Sotto i Portici", iniziativa resa possibile grazie all'impegno di Michel Romano e della sua associazione, "Lecce in Movimento", e al coinvolgimento attivo dei commercianti e dei residenti desiderosi di trascorrere un Natale nel quartiere Santa Rosa, assieme ai vicini, agli amici, ai parenti e a coloro che ogni giorno animano le nostre vite. Un Natale che si può definire di comunità. 
L'inaugurazione ha visto la partecipazione e i saluti del parroco di Santa Rosa, Don Damiano Madaro, dell'onorevole Roberto Marti, dell'assessore Luca Pasqualini, del sindaco Paolo Perrone e, infine, dell'organizzatore, Michel Romano. A moderare gli interventi e intrattenere la serata è stato invece Tommaso Barone di Radio Rama. 
Don Damiano Madaro ha inaugurato i saluti di rito parlando del quartiere e delle sue necessità: "Santa Rosa deve diventare un quartiere che si muove perché movimento significa vita, speranza, andare avanti. Movimento è camminare insieme. Riprendendo le parole che ha pronunciato ieri il Papa, non si cambiano le persone e le istituzioni se prima non si cambiano il cuore e le teste delle persone. Il Natale di quest'anno, quindi, sia per tutti un momento in cui accogliere Gesù e che sia un principio di rinnovamento dei nostri cuori".
Dopo l'augurio del parroco, anche l'onorevole Roberto Marti ha preso parola per lodare l'iniziativa di Lecce in Movimento e il valore di Santa Rosa: "E' fondamentale in un momento come questo, di gioia e di festa ma anche di dolore per tanti aspetti, ritrovarsi nei valori della comunità, della condivisione, della solidarietà tutti insieme nel proprio quartiere per cercare di fare del bene al prossimo. Questa galleria e questo quartiere è importante e veramente bello, architettonicamente fa la differenza, e quello che ha dentro deve uscire fuori. Non più un quartiere dormitorio quale è per molti aspetti perché quello che c'è dentro questo quartiere è davvero differente: è un quartiere che ha fatto sacrifici ma che si è mantenuto sano e pulito nella sua funzione architettonica. Forse le Amministrazioni potevano fare qualcosa in più, ma sono convinto che la progettazione di questa realtà ha avuto un senso e oggi potrà averne un altro con l'evoluzione di questa città. A voi i miei migliori auguri di buone feste, vi abbraccio in questo momento di solidarietà".
Anche l'assessore Luca Pasqualini ha espresso un suo pensiero in merito all'iniziativa: "Colgo l'occasione come sempre per fare un plauso all'associazione Lecce in Movimento che ha dato vita a questo quartiere, che da un po' di tempo era spento. Grazie alla presenza dell'associazione, di chi vi collabora e della Chiesa, questo quartiere si è messo davvero in movimento. Un ringraziamento va anche a tutti i commercianti che oggi hanno anche allungato l'orario di lavoro nonostante la stanchezza e i sacrifici per partecipare attivamente a questo Natale sotto i portici. L'augurio più importante è quello di andare sempre avanti facendo dei passi che portino alla meta desiderata per i giovani e tutti i residenti del quartiere".
Poco dopo, anche il sindaco della città di Lecce, Paolo Perrone, ha raggiunto i portici di Santa Rosa per salutare di persona i commercianti che per l'occasione sono rimasti aperti fino alle 22.00: "Quella di questa sera è una bellissima iniziativa che trae origine dal basso, dall'associazionismo e dal civismo. Lecce in Movimento è un'associazione che non sta lì a guardare quello che succede, ma che si mette in gioco per creare dei momenti di aggregazione che restino nel tempo".
A conclusione dei saluti istituzionali, Michel Romano ha preso parola rivolgendosi proprio ai residenti del quartiere in cui sorge la sua associazione: "Stando ogni giorno con voi e in mezzo a voi, ho colto un messaggio che estendo anche agli amici che ci hanno raggiunto qui oggi: questo quartiere vuole rinascere, vuole rivalutarsi e lanciare un messaggio. Il messaggio che lanciamo questa sera è che Santa Rosa vuole fare sentire la propria voce in mezzo alla città. Ci siamo e continueremo a promuoverci con varie iniziative e siamo aperti all'aiuto di tutti. Il quartiere va ricostruito, quindi diamoci una mano tutti quanti: uniti tutto si può".
Conclusi i saluti, il quartiere ha poi fatto festa con i canti e i brani natalizi eseguiti da Marika Mazzotta e dalla banda dell'associazione che ha continuato a suonare festosamente lungo i portici mentre Babbo Natale consegnava caramelle e dolci ai più piccoli. In tanti hanno partecipato alla raccolta alimentare e al banchetto della solidarietà il cui ricavato è stato destinato interamente alla mensa della Caritas. Presenti all'iniziativa anche Coldiretti con Campagna Amica e l'associazione Missione Cuore Avetrana la quale promuove corsi con l'obiettivo di ridurre l'incidenza di morte improvvisa cardiaca e manovre di disostruzione pediatrica rivolti a genitori, insegnanti e collaboratori scolastici che possono realmente essere utili per salvare delle vite.
Nel frattempo, davanti la sede dell'associazione Lecce in Movimento, la serata è stata animata dalla consegna degli attestati di partecipazione ai corsisti e dai ragazzi che si sono sfidati a Magici in un'atmosfera distesa e familiare.
Il Natale di Santa Rosa non finisce qui: questo pomeriggio, dopo la Santa Messa, ci si riunirà presso la nuova piazzetta Monsignor Vito De Grisantis per pregare insieme e collocare il Bambinello nel presepe realizzato nei giorni scorsi proprio dai residenti del quartiere. Quello che è certo è che da quest'anno a Santa Rosa è entrata in vigore una nuova, bellissima, tradizione: il Natale Sotto i Portici.

Nessun commento:

Posta un commento