venerdì 9 dicembre 2016

PROPOSTA PISAPIA - SALA SU RADIO 24: NON SO SE SERVA ORA QUALCUNO CHE SI PONGA A SINISTRA DEL PD – PISAPIA RIPARTE DALLA CREDIBILITA’ MA NON HA LE TRUPPE

PROPOSTA PISAPIA - SALA SU RADIO 24: NON SO SE SERVA ORA QUALCUNO CHE SI PONGA A SINISTRA DEL PD – PISAPIA RIPARTE DALLA CREDIBILITA' MA NON HA LE TRUPPE

"Il vero tema che troverà Giuliano Pisapia è che quando riparti dalla tua credibilità, ma dietro non hai una truppa non è facile inserirti in un meccanismo già funzionante". Il sindaco di Milano, Beppe Sala, rinnova il suo "interesse, il rispetto e gli auguri" per la proposta lanciata dal suo predecessore di ricompattare le forze più di sinistra e allearsi col Pd, ma, in un'intervista a Radio 24, esplicita anche alcune sue perplessità. "Uno spazio c'è, ma non sarà facile. Pisapia ha cercato di cogliere il momento, è nelle sue corde cercare di aggregare quel tipo di sinistra, che in lui riconosce qualità e potenziale guida politica". Quindi la posizione di Pisapia è la stessa di Sala?domanda Raffaella Calandra su Radio 24 al sindaco di milano che risponde: "No" risponde chiaro il sindaco di Milano su Radio 24 e prosegue. "anche se guardo con interesse a tutto ciò: il posizionamento a cui fa riferimento Pisapia non è il mio." Poi Sala durante il suo intervento a Radio 24 è ancora più esplicito rispetto alle sue perplessità: "Non so se serva qualcuno che si ponga a sinistra del Pd, prima ancora c'è la questione di quello che sarà il Pd, di come uscirà da questa situazione, io non mi porrei a sinistra di un Pd ancora tutto in divenire". Per il primo cittadino di Milano, dunque, quello del Campo Progressista è un progetto "prematuro" per certi versi, ma d'altra parte "la sinistra - sottolinea con forza su Radio 24 - ha bisogno in fretta di ritrovare unità e linee di indirizzo anche perché chissà quando andremo a votare. Può darsi che i mesi non siano molti".  

 

SALA SU RADIO 24 "LA SINISTRA DEVE ESSERE UNITA. NON È DETTO CHE STANDO INSIEME VINCA NECESSARIAMENTE, MA SE NON STA INSIEME È MOLTO DIFFICILE CHE VINCA

Anche partendo dalla sua personale esperienza, le tensioni durante le primarie di Milano, le divisioni non totalmente sanate dopo, col rischio anche di non vincere, Sala si dice fiducioso che l'esperimento milanese possa valere anche su scala nazionale e afferma: "Sel a Milano, dopo i primi mesi, si è mosso bene, con grande lealtà. Come ho ricordato in piazza del Popolo, nel mio intervento a sostegno del Sì al referendum, la sinistra deve essere unita. Non è detto che stando insieme vinca necessariamente, ma se non sta insieme è molto difficile che vinca." e sottolinea il sindaco di Milano su Radio 24 "A meno di alleanze che poi rischiano di non funzionare".

Ora contro la proposta di Pisapia si pronunciano in modo categorico anche alcuni esponenti della sinistra milanese, come Basilio Rizzo, che alle amministrative non avevano sostenuto Sala, vincitore delle primarie del centrosinistra che commenta su Radio 24: "Ognuno ha il suo posizionamento, ma il problema di Pisapia è che dietro non ha un sistema che funziona. Riparte dalla sua credibilità".

 


Nessun commento:

Posta un commento